Facebook Twitter
cerca nel sito
La meringa
La meringa, nata intorno al 1700 in Svizzera, conquistò il cuore e il palato della regina Elisabetta I che lo soprannominò Kiss (bacio). Ecco le regole per un risultato perfetto
La ricetta della meringa è nata intorno al 1700 e prende il nome dalla città Svizzera Meironger dove lavorava il pasticcere Gasparini di origine italiana che ne realizzo una in onore alla principessa Maria promessa sposa di Luigi XV.
Questo procedimento molto semplice conquistò il cuore e il palato della regina Elisabetta I che lo soprannominò Kiss (bacio).


La ricetta

Ingredienti:
2 albumi
170 grammi di zucchero semolato
un pizzico di sale

Regole fondamentali per ottimi risultati:
1) albumi SEMPRE a temperatura ambiente
2) MAI far cadere del rosso nell’albume
3) iniziare SEMPRE montando prima gli albumi con il pizzico di sale
4) forno già caldo, una volta trascorso il tempo di cottura, spegnere e lasciare le meringhe all’interno fino a raffreddamento completo. 

Separate i tuorli e montateli a neve  con il pizzico di sale per almeno 5 minuti. Aggiungete quindi lo zucchero semolato poco alla volta, finche' divent...
leggi tutto l'articolo
09/06/2015
La torta al testo 
I segreti della torta al testo, la schiacciata tipica della tradizione umbra che deve il suo nome al “testo”, pietra piatta refrattaria resa rovente dal fuoco. Ottima farcita con affettati o erba cotta
Tipica della tradizione perugina,  è una schiacciata fatta con farina, acqua, olio di oliva, un pizzico di sale e, se la si vuole far alzare un po', una punta di bicarbonato o di lievito di birra. La torta deve il suo nome al “testo”, la pietra piatta refrattaria resa rovente dal fuoco ed utilizzata...
leggi tutto l'articolo
07/05/2015
I segreti della minestra di farro
Il farro è un alimento diffuso nelle nostre cucine tutto l'anno. Le sue origini risalgono a 5000 anni fa ed è adatto a numerose combinazioni. Ve lo proponiamo in una tipica ricetta invernale
Frumento antichissimo le cui origini risalgono almeno a 5000 anni fa, fu il primo ad essere introdotto in Italia. Il termine farina deriva infatti da farro; fu per secoli l’alimento base delle legioni romane che lo usavano per preparare pane, polente e gallette. Veniva inoltre usato nelle cerimonie ...
leggi tutto l'articolo
18/02/2014
Sugo con l’Anguilla
Un secondo piatto o una salsa per un primo? Un'origine particolare per un sugo tipico del lago Trasimeno, con sapori netti e invitanti. Una ricetta che affonda le sue radici nel territorio
Una ricetta che in passato presentava diverse varianti: venivano infatti utilizzati anche altri tipi di pesce a seconda dei prodotti che erano disponibili, in base al raccolto dai pescatori. Le origini della ricetta vanno ricercate in un secondo piatto: le massaie infatti non si cucinavano il sugo d...
leggi tutto l'articolo
28/01/2014
Polpette con uvetta e pinoli
Una ricetta del XV secolo della tradizione perugina. In questa versione, la comune ricetta ricetta è arricchita dalla presenza della frutta secca. Piatto tipico perugino del periodo di Carnevale
Un piatto, apparso per la primo volta nel XV secolo, tipico della cucina povera, proposto in una rivisitazione da proporre come usa la tradizione perugina nel periodo Carnevalesco. Nessun ricettario, fino agli anni del 1300, riporta la parola “polpetta”; solo nel XV secolo viene nominata per la prim...
leggi tutto l'articolo
20/01/2014
Spezzatino allo zafferano
Il croco di Città della Pieve: prodotto del nostro territorio di grande valenza storica, proposto in una semplice ricetta che trasforma la carne di tutti i giorni in un secondo dal gusto sfizioso
La mitologia greca attribuisce la nascita dello zafferano (nome scientifico “crocus satinus”) all’amore fra il giovane mortale di nome Croco e la ninfa Smilace, favorita del Dio Ermes, che per vendetta trasformò il giovane in un bulbo. Conosciuto da millenni era molto diffuso tra i popoli antichi pe...
leggi tutto l'articolo
14/01/2014
Tortello vs cioccolato
Un primo o un dessert? L'ombelico più mangiato d'Italia viene rivisitato in chiave dolce e atipica. La tradizione vuole un ripieno di carne e una pasta all'uovo, la novità rivoluziona tutto
Tortello o tortellino a seconda della forma che viene data al prodotto, in base al territorio d'appartenenza. Tradizione vuole che il tortello sia tipico delle zone tra Bologna e Modena; sull'origine però esistono diverse storie. Una leggenda narra sia di Castelfranco Emilia, l'inventore di questa p...
leggi tutto l'articolo
23/12/2013
In tavola la selvaggina: il cinghiale in salmì
La carne del cinghiale nasconde difficoltà nella preparazione, ma con i giusti accorgimenti è possibile ottenere un piatto gustosissimo, che consigliamo di servire con dell'ottima polenta
Il cinghiale è un maiale selvatico che fa parte della selvaggina da pelo. La carne del cinghiale è apprezzata un po' in tutto il mondo: rinomata in quanto unisce al sapore della carne suina quello tipico della cacciagione. Da un punto di vista gastronomico è inserito tra le “carni nere”. Nel caso ...
leggi tutto l'articolo
16/12/2013
La carpa, regina anche al tempo dei romani
La ricetta originale della Regina in porchetta: un secondo di pesce tipico della tradizione umbra e in particolare della zona del Trasimeno. Le massaie raccontano i segreti della preparazione
La carpa d'acqua dolce, nella zona del Trasimeno prende il nome di Carpa Regina, o semplicemente Regina. Importato per allevamento, dagli antichi Romani, questo pesce può ormai essere definito “autoctono”. Ne esistono 6 varietà, tra cui la comune carpa Regina che può raggiungere anche i 30 kg di pes...
leggi tutto l'articolo
09/12/2013
Il bollito misto alla piemontese è servito
Un piatto consigliato per cene di gruppo, solo apparentemente semplice, con tempi lunghi ma risultati assicurati. La ricetta originale richiede 7 tagli di carne, ad oggi se ne utilizzano solo 5
Già a partire dai primi del '900, il bollito misto è famoso per essere un piatto solenne: consigliato per raduni e banchetti, si presta molto a cene numerose. Un piatto che nasconde, dietro l'apparente facilità e linearità, una serie infinita di piccole accortezze che permettono di ottenere un risul...
leggi tutto l'articolo
02/12/2013
> ARCHIVIO RUBRICHE
P. IVA 02856170549
frescodiweb.it: Aut. Tribunale di Perugia N. 43/10 del 2 Agosto 2010
Copyright© Tiziana Billi Communication - P.Iva: 02856170549
Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione anche parziale dei testi, delle immagini, dei video e della grafica contenuti all'interno del sito.
Direttore responsabile: Andrea Sacco
Coordinamento editoriale e multimedia: Augusto Sacco