Facebook Twitter
cerca nel sito
11/04/2012
Ad ognuno…la sua regina
Ogni regno ha la propria regina: fra i predatori c’è l’aquila reale, tra gli insetti l’ape regina, tra i rettili il serpente reale e tra i pesci d’acqua dolce la carpa regina…

Avevamo parlato di un antipasto a base di uova di Carpa Regina, ma un'altra ricetta molto gustosa è la carpa regina in porchetta.
La signora Marinella, proprietaria e cuoca del "Ristorante - Pizzeria Marinella", http://www.ristorantemarinella.com/ ci ha suggerito la ricetta per cucinare questo tipico piatto del Trasimeno. 

In Italia la carpa regina fu introdotta molti secoli fa dagli antichi Romani per l'allevamento, anche grazie alla sua straordinaria capacità di adattamento. Questo pesce in realtà si ritiene originario delle regioni dell'Europa orientale fino alla Persia, all'Asia Minore e alla Cina.
Se i Romani la portarono fino a noi e ne gustarono la sua carne, perché non seguire il loro esempio? Ecco un'altra occasione per riscoprire i sapori del nostro lago.

Ingredienti:
1 carpa regina da circa 5 chilogrammi (la carpa piccola è meno saporita)
500 grammi di grasso di maiale (o salsiccia)
50 grammi di finocchio selvatico
5 spicchi d'aglio
sale e pepe quanto basta
olio extravergine di oliva quanto basta
un mazzo di canne del lago

Preparazione:
Squamare, eviscerare e lavare molto bene la carpa, quindi praticare dei tagli obliqui su tutto il corpo. Preparare il "pillotto" (ripieno): in un tagliere battere molto finemente il grasso di maiale con il finocchio selvatico, l'aglio, il sale e il pepe.
Appena il tutto sarà diventato una poltiglia, insaporirci la carpa, sia internamente che esternamente e soprattutto nei tagli precedentemente fatti. Disporre nel fondo di una teglia da forno tante piccole canne del lago fino a ricoprirlo, così da formare una specie di griglia. Disporci sopra la carpa in piedi e irrorarla d'olio extravergine di oliva e farla insaporire al fresco anche tutta la notte. Metterla, quindi, in forno a 180° per circa 2 ore e, se necessario, aggiungere un po' di vino bianco.
Le canne del lago, siccome la carpa è un pesce molto grasso, servono a farla scolare ed inoltre ad aromatizzarla.

Io sento già una certa acquolina in bocca...e voi? Buon appetito!!!

 

Condividi 
Questa rubrica è offerta da:
P. IVA 02856170549
frescodiweb.it: Aut. Tribunale di Perugia N. 43/10 del 2 Agosto 2010
Copyright© Tiziana Billi Communication - P.Iva: 02856170549
Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione anche parziale dei testi, delle immagini, dei video e della grafica contenuti all'interno del sito.
Direttore responsabile: Andrea Sacco
Coordinamento editoriale e multimedia: Augusto Sacco
powered by ABR Informatica