Facebook Twitter
cerca nel sito
15/04/2012
Sel Trasimeno chiede le dimissioni del Governo
Sinistra ecologica e libertà si rivolge con una lettera aperta al premier. Dura critica del partito sulla manovra finanziaria. Sel chiede le elezioni quanto prima con una nuova legge elettorale

CASTIGLIONE DEL LAGO - Sinistra ecologica e libertà del Trasimeno chiede le dimissioni del presidente del Consiglio dei ministri, Mario Monti e del suo Governo.
Lo fa attraverso una lettera aperta rivolta al premier.
Il partito è fortemente critico sulla manovra finanziaria del governo italiano, «spietata con i deboli - scrive Sel Trasimeno nella lettera - e debole con i forti», tanto che secondo Sinistra ecologica condurrà il Paese «al disastro sociale».
Il Governo Monti, secondo Sel, «gode ancora di un consenso che si è costruito evitando la bancarotta al Paese facendola però pesare tutta sulle spalle dei lavoratori e dei pensionati».
Sel riassume le misure contenute nella manovra come «un aumento traumatico dell'età pensionabile, taglio agli ammortizzatori sociali, sostanziale eliminazione dell'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori, aumento della pressione fiscale». Provvedimenti che a parere di Sinistra ecologica «stanno mettendo in ginocchio il Paese, già dilaniato da anni dal fallimento della classe politica e dirigenziale».
Il Governo, afferma Sel, non avrebbe invece provveduto a «tassare i grandi patrimoni e dal combattere la corruzione, la malavita, la burocrazia, veri freni alla crescita, che non permettono investimenti esteri in Italia».
Il premire «da buon banchiere - critica Sel nella lettera aperta - ha lasciato che gli istituti di credito prendessero i nostri soldi dalla Banca centrale europea ma non ha imposto di immetterli sul mercato a tassi agevolati per aiutare quelle imprese che ne hanno bisogno per evitare di fallire. Ha piuttosto permesso alle banche di speculare sui tassi dei buoni del tesoro».
Dura critica di Sel anche nei confronti dei partiti politici che, a giudizio di Sinistra ecologica, attraverso l'attuale Governo maschererebbero «l'incapicità di risolvere i problemi degli italiani».
Sel chiede di ridare al più presto la parola agli elettori «con una nuova legge elettorale che consenta ai cittadini di scegliere veramente chi li rappresenta».

 

 

 

 

foto: http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Monti_Cabinet_with_Giorgio_Napolitano.jpg
fonte: Presidenza della Repubblica

 

Condividi 
Commenta (solo per utenti registrati)
P. IVA 02856170549
frescodiweb.it: Aut. Tribunale di Perugia N. 43/10 del 2 Agosto 2010
Copyright© Tiziana Billi Communication - P.Iva: 02856170549
Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione anche parziale dei testi, delle immagini, dei video e della grafica contenuti all'interno del sito.
Direttore responsabile: Andrea Sacco
Coordinamento editoriale e multimedia: Augusto Sacco
powered by ABR Informatica